Università degli studi di Bergamo
Pubblica amministrazione

Procedura aperta telematica per l’appalto dei servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori presso le sedi dell'Università degli Studi di Bergamo – CIG 8729168151

Oggetto: Procedura aperta telematica per l’appalto dei servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori presso le sedi dell'Università degli Studi di Bergamo – CIG 8729168151
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di valutazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 11.585.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 11.555.000,00
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 30.000,00
CIG: 8729168151
Stato: Aggiudicata
Centro di costo: Contrattualistica
Aggiudicatario : Euro&Promos FM SpA
Data aggiudicazione: 31 marzo 2022 0:00:00
Importo di aggiudicazione comprensivo degli oneri: € 7.752.206,50
Data pubblicazione: 28 aprile 2021 19:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 07 giugno 2021 12:00:00
Data scadenza: 14 giugno 2021 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Determinazione ammissione concorrenti 01/07/2021 17:45 Altri Documenti
Decreto ottemperanza sentenza TAR 187-2022 25/03/2022 10:16 Altri Documenti
Determinazione segmento procedimentale 25/03/2022 10:17 Altri Documenti
Determinazione di aggiudicazione 31/03/2022 10:33 Atti di aggiudicazione
Determinazione esclusione Euro&Promos 03/11/2021 16:06 Atti di esclusione
CV Paraboschi per pubblicazione 02/07/2021 09:12 Curriculum commissari
CV Paraboschi 02/07/2021 09:12 Curriculum commissari
CV Pinto per pubblicazione 02/07/2021 09:13 Curriculum commissari
CV Pinto 02/07/2021 09:13 Curriculum commissari
CV Sicilia per pubblicazione 02/07/2021 09:14 Curriculum commissari
CV Sicilia 02/07/2021 09:15 Curriculum commissari
Determinazione nomina commissione di gara 01/07/2021 17:29 Determina di nomina della commissione di gara
Verbale seduta pubblica telematica 23.7.2021 23/07/2021 14:12 Verbali
Verbale seduta pubblica telematica 2.7.2021 03/08/2021 15:04 Verbali
Verbale seduta pubblica telematica 18.6.2021 03/08/2021 15:05 Verbali
Verbale n. 5 seduta pubblica telematica 25.3.2022 29/03/2022 15:48 Verbali

Elenco chiarimenti

Chiarimento n. 1

Domanda:

Buongiorno, in riferimento al requisito di cui all'articolo 7.3 lettera d del disciplinare di gara si chiede di confermare che, in caso di partecipazione nella forma del costituendo raggruppamento, i servizi analoghi richiesti possano essere soddisfatti dalla mandataria per quanto attiene i servizi di pulizia (per un importo complessivo di almeno 2.500.000 nel triennio 2018 2019 2020) e dalla mandante per quanto attiene al sevizi di portierato/ ausiliariato (per un importo complessivo di almeno 900.00 nel triennio suddetto). Si ringrazia per il riscontro

Risposta:

Posto che nella disciplina di gara non vengono distinte prestazioni principali da quelle secondarie, condizione che rende possibile la partecipazione di RTI verticali, il fatturato richiesto deve essere riferito a contratti che esprimono lo svolgimento di due prestazioni in modo contestuale ed integrato (“servizi ausiliari e di pulizia ed igiene ambientale”). Conseguentemente la risposta al quesito deve intendersi negativa.

Chiarimento n. 2

Domanda:

Si chiede di fornire spiegazioni in riferimento alla dicitura di cui all'articolo 7.4 del Disciplinare laddove affermate che in ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito di cui al punto 7.3 lettera d) del disciplinare deve essere posseduto dalla mandataria. ritenete pertanto che in caso di RTI verticale entrambi i servizi analoghi (pulizie e portierato)debbano essere posseduti dalla mandataria? detta interpretazione se confermata sembra confliggere con la natura dell’ATI verticale che è connotata dalla circostanza che l’impresa mandataria apporta competenze incentrate sulla prestazione prevalente, diverse da quelle delle mandanti provviste della capacità per le prestazioni secondarie. Si prega di chiarire in merito. Grazie

Risposta:

Per le ragioni di cui al quesito 1 mancano i presupposti per consentire la costituzione di raggruppamenti verticali.

Le indicazioni da voi riportate, presenti nel disciplinare, sono quelle mutuate dal bando tipo e si riferiscono a previsioni di carattere generale ed astratte che non trovano applicazione nel caso in esame perché i servizi analoghi richiesti si riconducono ad un servizio integrato e non a due distinte prestazioni (principale e secondaria).

Chiarimento n. 3

Domanda:

Buongiorno, con riferimento ai requisiti di capacità tecnica e professionale di cui al punto 7.3 d) del disciplinare di gara, si chiede di confermare che le prestazioni di portierato/ausiliariato svolte in ambito scolastico/sanitario possano ritenersi valide ai fini dell'assolvimento del requisito. Ringraziando fin d'ora per la collaborazione, porgiamo cordiali saluti.

Risposta:

Sì ma a condizione che i servizi siano espletati in modo integrato e contestuale.

Chiarimento n. 4

Domanda:

Buonasera, in merito alla richiesta di requisiti di capacità Tecnico Professionale è giusta l'interpretazione secondo la quale lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo minimo di € 2.500.000 e prestazioni di portierato / ausiliariato per un importo di almeno € 900.000 potrà essere documentato con l’aver svolto servizi non necessariamente facenti parte di un unico contratto che ricomprenda cioè contemporaneamente sia le pulizie che l’ausiliariato, ma che potranno essere il frutto di contratti di pulizia e ausiliariato non necessariamente legati fra loro e magari anche con diversi committenti? Esemplificando: servizio di pulizia legato a contratto con committente “A” e servizio di portierato legato a contratto con committente “B”.

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2.

Chiarimento n. 5

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere qual è il CCNL applicato dalla Ditta uscente ai propri dipendenti. In attesa i riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Il contratto applicato a tutto il personale dell’appaltatore uscente è il CCNL “Imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi”.

Chiarimento n. 6

Domanda:

Con la presente siamo a chiedervi la possibilità di una proroga vista la complessità della procedura in oggetto In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

In relazione alle disposizioni acceleratorie in materia di appalti, in particolare gli artt. 2 e 8 del DL 76/2020, convertito in Legge n. 120/2020, i termini fissati per la presentazione delle offerte, tengono conto che la documentazione di gara è stata immediatamente resa disponibile on line agli operatori, che non è previsto il sopralluogo obbligatorio e che la documentazione tecnica fornita risulta completa ed adeguata.  

Ciò premesso si ritiene che le informazioni che sono state rese disponibili siano idonee e sufficienti per assicurare all’operatore economico di essere in condizioni di conoscere tutti gli aspetti essenziali per la predisposizione dell’offerta tecnica ed economica. Considerato inoltre che, stante le misure di contenimento del contagio Covid19, il sopralluogo non è previsto, sono state messe a disposizione fotografie e descrizione degli spazi che si ritiene rendano determinati gli elementi acquisibili con una effettiva presa visione dei luoghi.

Per queste ragioni il termine di 20 giorni risulta adeguato.

Chiarimento n. 7

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedervi il numero di dipendenti per meglio quantificare il consumo del materiale bagni. In attesa di un riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Alla data odierna i dipendenti tecnici-amministrativi dell’Università sono n. 266 mentre il personale docente e ricercatore è pari a n. 389. Peraltro è opportuno considerare nel computo anche il numero di studenti frequentanti le sedi universitarie, in particolare nel periodo di attività didattica.

Sulla base della valutazione dell’andamento storico dei consumi di materiale per i servizi igienici di cui all’art. 46 punto 1 del Capitolato Speciale d’Appalto, nel progetto di servizio è stata stimata l’incidenza dei costi relativi ai prodotti da fornire.

Chiarimento n. 8

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere se il monte ore settimanale indicato negli allegati A e B corrisponde al servizio completo comprensivo dei sabati. in attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Il monte ore settimanale indicato negli allegati A e B è comprensivo dei sabati. In entrambi gli allegati citati sono precisati i sabati in cui i servizi non dovranno essere prestati. 

Chiarimento n. 9

Domanda:

Buongiorno, in riferimento al requisito di capacità tecnica professionale di cui all’articolo 7.3 del disciplinare di gara si chiede si chiarire se per servizi analoghi si debbano intendere contratti integrati che si compongano quindi sia di servizi di pulizia che di servizi di portierato o se invece possano essere considerati analoghi contratti che abbiano ad oggetto solo la pulizia e contratti che abbiano ad oggetto solo il portierato. Si ringrazia per il riscontro

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2.

Chiarimento n. 10

Domanda:

Buongiorno si chiede di confermare che sia possibile la partecipazione dell'impresa ausiliaria come mandante o mandataria di un costituendo RTI. Grazie

Risposta:

Si conferma che è possibile la partecipazione dell'impresa ausiliaria come mandante o mandataria di un costituendo RTI (art. 89, comma 1, primo capoverso, del D. Lgs. 50/2016), fermo restando che la modalità di dimostrazione dei requisiti deve rispettare quanto previsto nella disciplina di gara in relazione alla partecipazione da parte di raggruppamenti e in caso di avvalimento.

Si richiama in ogni caso quanto precisato a proposito del requisito richiesto costituito da contratti integrati di servizi ausiliari e di pulizia, requisito che non può prescindere da contratti resi in modo contestuale ed integrato.

Resta comunque inteso che il ricorso all’ausiliaria deve riguardare unicamente il requisito di fatturato per servizi integrati. Non potrebbe risultare utile l’acquisizione di servizi appartenenti ad una delle due tipologie di attività espresse separatamente.

Chiarimento n. 11

Domanda:

Buonasera, con la presente segnaliamo che i termini sono obiettivamente ristretti, anche in considerazione dell’importanza economica e della complessità della gara, e che un periodo così ridotto ai fini della predisposizione dell’offerta finirebbe per avvantaggiare eccessivamente il gestore uscente, il quale già dispone di un quadro informativo completo. In merito a quanto indicatovi chiediamo una proroga dei termini di presentazione dell'offerta di almeno 15 giorni. In attesa di un vostro cortese riscontro si porgono distinti saluti.

Risposta:

In relazione alle disposizioni acceleratorie in materia di appalti, in particolare gli artt. 2 e 8 del DL 76/2020, convertito in Legge n. 120/2020, i termini fissati per la presentazione delle offerte, tengono conto che la documentazione di gara è stata immediatamente resa disponibile on line agli operatori, che non è previsto il sopralluogo obbligatorio e che la documentazione tecnica fornita risulta completa ed adeguata.  

Ciò premesso si ritiene che le informazioni che sono state rese disponibili siano idonee e sufficienti per assicurare all’operatore economico di essere in condizioni di conoscere tutti gli aspetti essenziali per la predisposizione dell’offerta tecnica ed economica. Considerato inoltre che, stante le misure di contenimento del contagio Covid19, il sopralluogo non è previsto, sono state messe a disposizione fotografie e descrizione degli spazi che si ritiene rendano determinati gli elementi acquisibili con una effettiva presa visione dei luoghi.

Per queste ragioni il termine di 20 giorni risulta adeguato.

Chiarimento n. 12

Domanda:

Buongiorno, in considerazione dell’importanza e della particolarità della procedura, la scrivente è a richiedere uno spostamento dei termini per la presentazione delle offerte di almeno 30 gg sulla data da voi prefissata. Questo al fine di garantire la più ampia partecipazione e consentire a tutti gli operatori economici pari condizioni per analizzare ed elaborare attentamente le proprie proposte tecnico – economiche. In attesa di un vostro riscontro, si porgono Distinti saluti.

Risposta:

In relazione alle disposizioni acceleratorie in materia di appalti, in particolare gli artt. 2 e 8 del DL 76/2020, convertito in Legge n. 120/2020, i termini fissati per la presentazione delle offerte, tengono conto che la documentazione di gara è stata immediatamente resa disponibile on line agli operatori, che non è previsto il sopralluogo obbligatorio e che la documentazione tecnica fornita risulta completa ed adeguata.  

Ciò premesso si ritiene che le informazioni che sono state rese disponibili siano idonee e sufficienti per assicurare all’operatore economico di essere in condizioni di conoscere tutti gli aspetti essenziali per la predisposizione dell’offerta tecnica ed economica. Considerato inoltre che, stante le misure di contenimento del contagio Covid19, il sopralluogo non è previsto, sono state messe a disposizione fotografie e descrizione degli spazi che si ritiene rendano determinati gli elementi acquisibili con una effettiva presa visione dei luoghi.

Per queste ragioni il termine di 20 giorni risulta adeguato.

Chiarimento n. 13

Domanda:

Il monte ore indicato rispettivamente negli allegati A-B-C è da ritenersi obbligatorio a pena di esclusione dalla presente procedura. In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Il monte ore indicato negli allegati A, B e C è obbligatorio. Stante il principio che pone un divieto alla previsione di clausole di esclusione non previste dal Codice dei Contratti (art. 83, comma 8, D. Lgs. 50/2016), non è prevista la sanzione dell’esclusione.

Deve tuttavia precisarsi che il progetto di servizio tiene conto del monte ore anzidetto e che la verifica dell’offerta verrà operata avendo riguardo all’impegno orario complessivamente richiesto.

Chiarimento n. 14

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere se il monte ore settimanale da voi indicato per entrambi i servizi sono comprese le ore per le prestazioni richieste ai fini dell'attuazione del protocollo covid? in attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Le ore richieste ai fini dell’attuazione del protocollo Covid sono escluse dal monte ore settimanale riportato negli allegati A, B e C.

Il monte ore stimato per le prestazioni finalizzate ad assicurare la messa in atto di tutte le misure necessarie a garantire il rispetto dei provvedimenti governativi e/o regionali allo scopo di contrastare e contenere la diffusione del virus COVID-19, è indicato agli artt. 40 e 51 del Capitolato Speciale d’Appalto.

Chiarimento n. 15

Domanda:

Buongiorno, con la presente si richiede di specificare se il requisito di partecipazione relativo al fatturato specifico in prestazioni di portierato/ausiliariato per un importo complessivo di almeno €900.000,00, può ritenersi soddisfatto con lo svolgimento del servizio di facchinaggio all'interno di strutture alberghiere.

Risposta:

No, il servizio di facchinaggio non può considerarsi analogo rispetto alle prestazioni oggetto della procedura di gara.

Chiarimento n. 16

Domanda:

A seguito del Vostro chiarimento al quesito n.1 si chiede come esso si concili con la tabella N1 a Pagina 5 del Disciplinare che prevede Prestazioni Principali (pulizie) e secondarie (Portierato). grazie

Risposta:

La distinzione indicata ai fini dell’attribuzione del cpv avviene in applicazione di criteri automatici e non risente delle scelte di impostazione della gara da parte della Stazione Appaltante. Il codice cpv identifica unicamente l’attività e gradua le prestazioni in funzione del loro valore economico secondo criteri convenzionali. 

Chiarimento n. 17

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere la frequenza del laboratorio di ingegneria presente nell'immobile di via Stezzano, non essendo presente nella scheda relativa. In attesa di riscontro, porgo cordiali saluti

Risposta:

I laboratori di Ingegneria situati presso la sede di Via Stezzano 87 (Kilometro rosso) Bergamo sono riconducibili ai locali di cui alla tipologia A (Aule, laboratori e sale riunioni). La frequenza degli interventi relativa alla tipologia A è indicata nell’Allegato D/12 “Scheda frequenza”.   

Chiarimento n. 18

Domanda:

Buonasera si richiede a codesta Stazione Appaltante se possano concorrere al raggiungimento del fatturato minimo richiesto al punto 7.3.d) del Disciplinare di Gara, due contratti distinti, uno per i servizi di pulizia e uno per il servizio di portierato effettuati per il medesimo Ente/Cliente con durata e scadenza coincidenti, fermo restando la presenza di un contratto di punta complessivo di puliizia, portierato, custodia e servizi ausiliari? Distinti saluti

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2.

Chiarimento n. 19

Domanda:

1. la scrivente che non ha ancora chiuso il bilancio anno 2020 chiede relativamente ai requisiti richiestI al punto 7.2 CAPACITA’ ECONOMICA FINANZIARIA e alla richiesta requisiti al punto 7.3 CAPACITA’ TECNICA PROFESSIONALE , se si possa tenere conto del triennio 2017/2018/2019 2. si chiede di confermare che la percentuale massima che si possa concedere di sub appalto sia il 40% 3. ove sia possibile rinvenire informazioni come foto e le descrizioni degli spazi per acquisire elementi per una presa visone . Distinti Saluti

Risposta:

Punto 1. Per quanta riguarda il requisito di cui al punto 7.2, lett. c), il riferimento è agli ultimi tre esercizi finanziari disponibili e, pertanto, la risposta è affermativa. Per quanto riguarda, invece, il requisito di cui al punto 7.3, lett. d), il triennio di riferimento è il 2018/2019/2020.

Punto 2. Si conferma

Punto 3. Le fotografie e la descrizione degli spazi sono contenute nell’Allegato E (Allegato E – Schede tecniche (E1-E21) - Descrizione sintetica e repertorio fotografico)

Chiarimento n. 20

Domanda:

Con la presente si fa seguito ai chiarimenti pubblicati in relazione ai requisiti di capacità tecnica e professionale di cui al paragrafo 7.3 lett. d) del Disciplinare di gara per chiedere ulteriore conferma che siano considerati servizi analoghi servizi di pulizia e portierato svolti per conto di un unico ente e a fronte di un unico contratto. Distinti saluti.

Risposta:

Sono presi in considerazione i contratti relativi a prestazioni di portierato e prestazioni di pulizie rese in modo contestuale ed integrato. Valgono comunque le precisazioni relative agli importi di cui al punto 7.3 lett. d) del Disciplinare di gara.

Chiarimento n. 21

Domanda:

1. Salvo errori non troviamo riferimento al CCNL applicato al personale attualmente impiegato. è possibile avere l'informazione e maggiori dettagli sul personale stesso? (RAL, scatti anzianità, benefit Ad personam e ogni altro dato utile a determinarne il costo. 2. si chiede conferma che il requisito di cui al punto 7.3.d) Capacità tecnico professionale, possa essere dimostrato anche con contratti diversi a seconda dei servizi: es. 1 contratto per pulizie e 1 contratto di portierato purchè vengano rispettati gli importi specifici e complessivo di € 4.000.000 3. si chiede una congrua proroga ai termini per presentare offerta data anche l'impossibilità di svolgere sopralluoghi alle sedi. grazie

Risposta:

Punto 1. Per il CCNL applicato al personale attualmente impiegato si rinvia alla risposta indicata al quesito N. 5.

RAL: non rilevata

Scatti di anzianità: maturati da n.74 addetti

benefit Ad personam: n.4 addetti percepiscono un superminimo il cui importo lordo mensile è pari a € 562,85 (€138,54 + €145,51 + €139,40 + €139,40)

Punto 2. Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2

Punto 3. Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 6

Chiarimento n. 22

Domanda:

Buongiorno relativamente al punto 46.1 si richiede se dobbiamo fornire in comodato d'uso i dispenser ( carta igienica , sapone..) oppure è solo prevista la fornitura materiale igienico.- Cordiali saluti

Risposta:

I dispenser sono esclusi dalla fornitura in quanto già installati. 

Chiarimento n. 23

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere l'elenco del personale attualmente impiegato con relativo monte ore settimanale. In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

L’elenco del personale attualmente impiegato viene pubblicato nella documentazione di gara con riferimento al quesito posto (Elenco personale attualmente impiegato - Allegato quesito n. 23)

Chiarimento n. 24

Domanda:

Nel Disciplinare di gara, a pag. 23 di 36, Art.15.3.2 Documentazione a corredo, viene richiesto il Progetto di assorbimento “atto ad illustrare le concrete modalità di applicazione della clausola sociale con particolare riguardo al numero dei lavoratori che beneficeranno della stessa e alla relativa proposta contrattuale di inquadramento e trattamento economico”. Negli allegati A, B e C al Capitolato Speciale di Appalto vi sono dei dati aggregati distinti per servizio che permettono la corretta quantificazione e dimensionamento del servizio ma tuttavia non consentono una risposta puntuale alla Vostra richiesta. A tal fine siamo cortesemente a richiederVi di pubblicare l’attuale organico impiegato distinto per singolo addetto, con evidenziato il contratto applicato (CCNL), il tipo di servizio svolto, il livello, gli scatti d’anzianità, la % di part time, la data di assunzione e lo stato, se a tempo determinato o indeterminato.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 23 (Elenco personale attualmente impiegato - Allegato quesito n. 23).

Chiarimento n. 25

Domanda:

Buongiorno, in merito al requisito di cui al paragrafo 7.1 lett. a), a pag. 11 del disciplinare si legge…” l’impresa capogruppo mandataria deve possedere detto requisito in misura maggioritaria”. Si chiede se il requisito è soddisfatto nel caso in cui le ditte che costituiscono il raggruppamento hanno la stessa fascia di classificazione, fermo restando che la somma delle fasce è pari almeno alla fascia H. Anticipatamente si ringrazia

Risposta:

Non essendo specificati nel quesito il numero delle ditte raggruppande e la fascia di appartenenza, non ci è possibile fornire un riscontro puntuale. Si ribadisce, tuttavia, che l’impresa capogruppo mandataria deve essere iscritta ad una fascia di classificazione non inferiore alla fascia “E” e deve possedere il requisito in parola in misura maggioritaria.

Chiarimento n. 26

Domanda:

Buonasera, In merito alla richiesta di requisiti di capacità Tecnico Professionale di cui al punto 7.3 d) del disciplinare di gara, si chiede conferma dell'interpretazione secondo la quale lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo minimo di € 2.500.000 e prestazioni di portierato / ausiliariato per un importo di almeno € 900.000 potrà essere documentato con l’aver svolto servizi non facenti parte di un unico contratto che ricomprenda nel suo oggetto contemporaneamente sia le pulizie che l’ausiliariato ma, suddetti requisiti, potranno essere il frutto di due contratti, uno di pulizia e uno di portierato/ausiliariato stipulati con il medesimo committente e svolti per le medesime sedi. Esemplificando: servizio di pulizia legato a contratto con committente “A” e servizio di portierato/ausiliariato legato a contratto con medesimo committente “A”. in attesa di gentile riscontro, Cordiali saluti

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2.

Ad ulteriore precisazione, si ribadisce che il requisito di capacità Tecnico Professionale di cui al punto 7.3 d)  è soddisfatto laddove i due servizi di pulizia e di portierato/ausiliariato siano tra di loro strettamente interconnessi sul piano organizzativo e che sia prevista una specifica funzione di coordinamento svolta secondo i termini disciplinati dal contratto e/o dal capitolato speciale.

Chiarimento n. 27

Domanda:

Buongiorno relativamente all'offerta tecnica, punto 46 si richiede che oltre all' elenco dei prodotti si dovrà produrre anche le relative schede tecniche ., le stesse possono essere inserite come allegati al progetto senza che siano conteggiate come pagine .- Cordiali saluti.

Risposta:

Considerata la poderosità del materiale da produrre, l’elenco dei prodotti e le relative schede tecniche sono escluse dal conteggio delle N. 25 pagine riservate alla relazione tecnica.

Chiarimento n. 28

Domanda:

Buongiorno, in riferimento al requisito 7.3.d e visti i chiarimenti 1 e 2 che ben specificano che non vi sia una prestazione principale ed una secondaria, si chiede di meglio specificare come si possano individuare gli importi richiesti per servizi di pulizia e servizi di ausiliariato, e cioè, considerato che si richiede un servizio unico che comprenda sia pulizie che ausiliariato, come è possibile stabilire l'importo esatto di detti servizi considerato che trattasi di unico contratto? E considerato che non vi siano prestazioni principali e secondari, perchè richiedere un importo esatto per i singoli servizi? Si rammenta che la legislatura è per il principio del favor partecipationis, e un requisito così specifico, che richiede due fatturati per due servizi diversi, ma che non permette il raggruppamento verticale perchè questi due servizi non sono chiamati "principale" o "secondario", sembrerebbe violare tale principio. In attesa, si porgono Cordiali saluti

Risposta:

Posto che l’università ha in corso un servizio di dimensioni e complessità che richiedono lo svolgimento di attività di coordinamento significative, si è ritenuto di evitare che siano ritenute utili esperienze nelle quali le due componenti siano estremamente sperequate in termine di volumi di attività e valori, per questa ragione sono stati indicati i valori di soglia. Resta inteso che qualora l’operatore vantasse importi di fatturato di servizi integrati dai quali non sia immediatamente riscontrabile il valore delle prestazioni, lo stesso operatore potrà dimostrare il possesso del requisito in parola, nell’ambito di quanto previsto dal medesimo articolo, art. 7.3. lett. d) ultimo capoverso del Disciplinare di gara (a titolo esemplificativo, rapportando il valore del contratto rispettivamente al monte ore dedicato a ciascuna attività o al numero dei dipendenti alle stesse assegnati).

Chiarimento n. 29

Domanda:

Boungiorno in considerazione della complessità del progetto tecnico e dell'importanza della gara così come previsto dal disciplinare di gara si richiede di voler posticipare la data prevista per la consegna dell’offerta di almeno 10 giorni RingrazinadoVi inviamo distinti saluti

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 6. 

Chiarimento n. 30

Domanda:

In riferimento al Disciplinare di Gara, art. 16 “La Relazione dovrà essere costituita da schede in formato A4, in numero massimo di 25 (venticinque) pagine, numero comprensivo anche di eventuali allegati….”, si chiede di confermare che trattasi di mero refuso quanto riportato all’art. 46 “Materiali Prodotti” del Capitolato Speciale d’Appalto: “Nell’offerta Tecnica, il Concorrente deve indicare l’elenco dei prodotti, con relative schede tecniche…” e pertanto non debba essere allegato all’offerta tecnica alcun elenco prodotti data l’esiguità del numero di pagine a disposizione. Cordiali Saluti,

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 27.

Chiarimento n. 31

Domanda:

Buongiorno, sono a richiedere quanto segue: 1.se l'impostazione della pagina relativa al progetto tecnico, può essere liberamente scelta, quindi sia in orizzontale che in verticale. 2. se il testo delle tabelle che fanno parte del progetto tecnico può essere inferiore al limite 11 imposto dalla lex specialis. Grazie.

Risposta:

Punto 1. Si conferma

Punto 2. Si rinvia a quanto precisato nella disciplina di gara (art. 16 del Disciplinare di gara).

Chiarimento n. 32

Domanda:

Premesso che, come previsto dall’art. 3 del disciplinare di gara, vengono distinte la prestazione principale (servizio di pulizia) e la prestazione secondaria (servizio di portierato) si chiede di confermare che, in caso di partecipazione nella forma del costituendo raggruppamento verticale, i servizi analoghi richiesti possano essere soddisfatti dalla mandataria per quanto attiene i soli servizi di pulizia (Prestazione indicata quale principale per un importo complessivo di almeno 2.500.000 nel triennio 2018 2019 2020) e dalla mandante per quanto attiene i soli servizi di portierato/ ausiliariato (Prestazione indicata quale secondaria per un importo complessivo di almeno 900.00 nel triennio suddetto). Si ringrazia per il riscontro e cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1 e N. 2.

Chiarimento n. 33

Domanda:

Buongiorno, in merito al requisito di cui al paragrafo 7.1 lett. a) dove è richiesta fascia di classificazione H, si chiede se tale requisito può essere oggetto di avvalimento. Nello specifico se la concorrente dispone della fascia di classificazione G può avvalersi di altra ditta che possiede una fascia tale la cui somma soddisfa il requisito richiesto (Fascia H) ? Grazie.

Risposta:

Come previsto dall’art. 8 del Disciplinare di gara, non è consentito l’avvalimento per la dimostrazione dei requisiti generali e di idoneità professionale [ad esempio: iscrizione alla CCIAA oppure a specifici Albi].

Chiarimento n. 34

Domanda:

Spett.le Università degli Studi di Bergamo con riferimento a quanto indicato in oggetto, la scrivente società chiede alla S.V. di voler rendere chiarimento in ordine al seguente quesito. Il requisito di capacità tecnico professionale di cui al punto 7.3 del Disciplinare di gara prevede che “Il concorrente deve aver eseguito nell’ultimo triennio (2018-2019-2020) servizi analoghi a quelli oggetto della gara (servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale) presso enti pubblici o privati di importo complessivo minimo pari a € 4.000.000,00. Dai contratti indicati si dovrà documentare lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo complessivo di almeno € 2.500.000,00 e prestazioni di portierato/ausiliariato per un importo complessivo di almeno € 900.000,00”. Al riguardo, si chiede alla S.V. di voler chiarire e/o confermare se l’esecuzione di contratti aventi ad oggetto servizi di pulizia e sanificazione e servizi di ausiliariato in ambito ospedaliero, per importi non inferiori a quelli sopra indicati, siano idonei a soddisfare il requisito in questione. Rimanendo in attesa di cortese riscontro l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 3.

Chiarimento n. 35

Domanda:

La sottoscritta società, interessata alla partecipazione alla gara in oggetto, premesso che: - codesta spettabile Stazione Appaltante all’art. 3 del disciplinare ha indicato i servizi di pulizia come “prestazione principale” e i “servizi di portierato” come prestazione secondaria; - l’art. 48 comma 2 del d.lgs. 50/2016 prevede che : <> al fine della possibilità di costituzione di un raggruppamento di tipo verticale, in cui <>; tanto premesso rispettosamente si invita codesta spettabile Amministrazione a rettificare il contenuto dei chiarimenti nn. 1 e 2, i quali, liddove vietano la costituzione di ATI verticale, risultano non conformi alle norme imperative di cui al c.d. Codice degli appalti. In attesa di cortese riscontro, si porgono distinti saluti.

Risposta:

Si rimanda alle risposte indicate per i quesiti N. 1, N. 2 e N. 16.

Chiarimento n. 36

Domanda:

Buongiorno, si chiede di specificare se il monte ore previsto nel capitolato faccia riferimento alle ore contrattuali ovvero alle ore effettive. Grazie.

Risposta:

Il monte ore indicato negli allegati A), B) e C) del capitolato è riferito alle ore effettive.

Chiarimento n. 37

Domanda:

Con riferimento alla “Procedura aperta telematica per l’appalto dei servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori presso le sedi dell'Università degli Studi di Bergamo – CIG 8729168151”, stante il contesto economico, sociale e ambientale, correlato alla gestione della perdurante emergenza pandemica, che rafforza l’esigenza degli Operatori Economici di avere a disposizione un congruo lasso di tempo utile all’elaborazione di un’offerta seria, dettagliata, competitiva e sostenibile, in particolare per l’esecuzione di appalti complessi e articolati quali quello de quo; siamo con la presente a richiedere una proroga del termine per la presentazione delle offerte.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 6.

Si invita, altresì, a prendere visione del documento del 22 aprile 2020 predisposto da Anac titolato “Ricognizione delle disposizioni acceleratorie e di semplificazione, presenti nel codice dei contratti e nell’attuale quadro normativo, al fine di fornire indicazioni alle stazioni appaltanti per agevolare lo svolgimento delle procedure di affidamento” e della Circolare del Ministero delle Infrastrutture del 18 novembre 2020, n. 45113 recante “Decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, recante "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale", convertito con modificazioni dalla legge 11 settembre 2020”.

 

Chiarimento n. 38

Domanda:

Quesito 1) All’articolo 46 del Capitolato dei Servizi Accessori la SA descrive che:”[…] nell’offerta tecnica il concorrente deve indicare l’elenco dei prodotti con le relative schede tecniche.” Essendo nel disciplinare esplicitato quanto segue: ”[…] La Relazione dovrà essere costituita da schede in formato A4, in numero massimo di 25 (venticinque) pagine, numero comprensivo anche di eventuali allegati, numerate, con corpo carattere equivalente ad “Arial 11” ed un numero di righe non superiore a 40 (quaranta) per scheda. Sono ammessi inserti di tabelle, grafici, disegni, fotografie, etc., su schede in formato A4 o A3 ripiegato (ogni scheda A3 è considerata alla stregua di due schede A4) da computarsi nel numero delle pagine (massimo 25). Il numero massimo di pagine indicato è da ritenersi inderogabile, al fine di garantire la par condicio tra tutti i concorrenti e pari condizioni di valutazione. Pertanto, si precisa che ai fini dell’attribuzione del punteggio, la Commissione di aggiudicazione: - qualora la relazione tecnica rispetti il suddetto limite, valuterà la stessa nella sua interezza; - qualora la relazione tecnica dovesse superare il suddetto limite e, entro le prime 25 pagine, sia rinvenibile una trattazione completa degli aspetti progettuali fondamentali valuterà esclusivamente le prime 25 pagine.” Si richiede alla settabile SA la possibilità di allegare alla relazione le schede richieste e l’elenco prodotti, dal momento che all’interno dello schema di risposta non si evidenzia un sub-criterio di valutazione di quanto richiesto relativamente alla lista dei prodotti con le relative schede tecniche. Quesito 2) Relativamente alle prestazioni relative al COVID-19 previste per i Servizi Ausiliari all’articolo 40 del relativo Capitolato, tenendo presente che il monte ore indicato è di 120 ore settimanali, con la presente si chiede alla SA di precisare: • se tale impegno è imputare in tutti i siti con presenza di aule; • se lo stesso servizio può essere eseguito dal personale di portineria con l’ausilio di personale esterno; • al fine di una corretta configurazione del servizio, in risposta all’offerta tecnica, per stimare l’impegno di tali risorse e il numero di unità operative necessarie per il servizio, si chiede alla SA un esempio di settimana tipo riguardante gli orari delle lezioni per ciascun sito ed il numero delle aule da servire per singolo immobile. Tale dato è richiesto anche per la definizione del servizio COVID-19 per i Servizi Accessori.

Risposta:

Punto 1. Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 27

Punto 2. Le prestazioni da porre in essere ai fini dell’osservanza dei protocolli Covid-19 saranno richieste in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica e del progressivo adattamento dell’attività istituzionale alle disposizioni emanate dalle Autorità competenti.

Il monte ore di dette prestazioni, stimato, non è ricompreso nel monte ore complessivo considerato ai fini della determinazione dell’importo a base di gara.

 

Chiarimento n. 39

Domanda:

Spettabile Ateneo, lo scrivente quale operatore economico interessato a prendere parte alla procedura di gara in oggetto, rappresenta quanto segue al fine di veder accolta la richiesta di differimento del termine di partecipazione. Codesta Stazione Appaltante ha rigettato le precedenti istanze di differimento della scadenza per la presentazione delle offerte avanzate da altri operatori economici interessati alla procedura, sul presupposto che “i termini fissati per la presentazione delle offerte, tengono conto che la documentazione di gara è stata immediatamente resa disponibile on line agli operatori, che non è previsto il sopralluogo obbligatorio e che la documentazione tecnica fornita risulta completa ed adeguata. Ciò premesso si ritiene che le informazioni che sono state rese disponibili siano idonee e sufficienti per assicurare all’operatore economico di essere in condizioni di conoscere tutti gli aspetti essenziali per la predisposizione dell’offerta tecnica ed economica” (cfr. chiarimenti nn. 6, 11 e 12). Orbene, quanto sopra trova smentita nella circostanza per la quale, in realtà, alcuni aspetti di fondamentale rilievo per la partecipazione alla gara sono stati resi noti solo mediante i chiarimenti forniti da Codesta Università, i quali hanno avuto una portata novativa, modificando e/o integrando l’originario assetto previsto dalla legge di gara. Ciò ha comportato, inevitabilmente, che – diversamente da quanto da Voi affermato – gli operatori economici non sono stati messi in condizione di conoscere tutti gli aspetti essenziali per la predisposizione dell’offerta sin dalla pubblicazione della legge di gara, bensì hanno potuto conoscere l’effettiva portata di alcuni requisiti di partecipazione, solo in seguito al riscontro che questo Ateneo ha fornito ai quesiti posti. Peraltro, giova osservare che tale situazione è tuttora in divenire in quanto il termine per presentare chiarimenti è fissato alle ore 12.00 dell’11 maggio p.v. Dunque, ben potrebbero essere fornite da Codesta Università ulteriori spiegazioni che, come le precedenti, saranno in grado di incidere sulla partecipazione. Fermo quanto sopra, è opportuno evidenziare come i chiarimenti resi sino ad oggi abbiano inciso sull’originario assetto della procedura bandita dall’Università degli Studi di Bergamo. In primo luogo, dalla tabella 1 a pag. 5 del disciplinare risulta una chiara suddivisione dei servizi oggetto dell’appalto tra prestazione principale (Servizio di Pulizia) e secondaria (Servizio di Portierato). Di seguito si riporta la citata tabella: Tabella n. 1 – Oggetto dell’appalto n. Descrizione delle prestazioni CPV P(principale) S(secondaria) Importo 1 Servizio di Pulizia 90910000 P 2 Servizio di Portierato 98341120 S Importo totale a base di gara 11.555.000,00 Ciononostante, Codesto Ateneo ha smentito che nella procedura in oggetto vi sia una gradazione tra le prestazioni richieste. Si legge, infatti, nel chiarimento n. 1 che “nella disciplina di gara non vengono distinte prestazioni principali da quelle secondarie” e nel chiarimento n. 2 che “Per le ragioni di cui al quesito 1 mancano i presupposti per consentire la costituzione di raggruppamenti verticali”. Dunque, diversamente da quanto evincibile dalla legge di gara, Codesto Ateneo, solo in sede di chiarimenti, ha negato che tra le prestazioni oggetto dell’appalto ve ne sia una principale e una secondaria. Quanto sopra ha inciso, innovandolo, sul requisito di capacità tecnica e professionale di cui all’art. 7.3 del Disciplinare, che richiedeva al concorrente di “aver eseguito nell’ultimo triennio (2018-2019-2020) servizi analoghi a quelli oggetto della gara (servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale) presso enti pubblici o privati di importo complessivo minimo pari a € 4.000.000,00. Dai contratti indicati si dovrà documentare lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo complessivo di almeno € 2.500.000,00 e prestazioni di portierato/ausiliariato per un importo complessivo di almeno € 900.000,00”. Infatti, in considerazione della distinzione tra prestazione principale e secondaria, si riteneva possibile soddisfare il suddetto requisito di capacità tecnica e professionale mediante la produzione di contratti aventi ad oggetto servizi analoghi a quelli richiesti, senza però la necessità che entrambi (pulizia e portierato) fossero ricompresi in un unico contratto contemporaneamente. Invece, con diversi chiarimenti è stata espressa l’intenzione di Codesta Stazione Appaltante, esattamente opposta a quella evincibile dalla lex specialis, di ritenere soddisfatto il requisito mediante contratti che esprimano lo svolgimento “contestuale ed integrato” sia dei servizi di pulizia che dei servizi di portierato (cfr. chiarimenti nn. 1, 2, 4, 9). Ebbene, emerge in maniera lampante come i chiarimenti resi sino ad oggi da Codesto Ateneo abbiano avuto una portata novativa, integrativa o quantomeno modificativa della disciplina di gara. Tale circostanza dimostra la necessità (finanche la doverosità) di una proroga del termine per la presentazione dell’offerta, finalizzata a consentire agli interessati di poter adeguare le proprie offerte alle sopraggiunte indicazioni di Codesta Stazione Appaltante. È necessario osservare che in mancanza di una simile proroga si realizzerebbe un effetto gravemente restrittivo della concorrenza e violativo dei principi basilari che regolano la materia della contrattualistica pubblica, in quanto, non avendo messo gli operatori economici in grado di conoscere sin dal principio le condizioni di partecipazione, rese note solo in un momento successivo mediante i chiarimenti, viene senza dubbio pregiudicata la loro partecipazione consapevole alla gara de qua, già frustrata dalle strettissime tempistiche adottate da Codesto Ente. Alla luce di tutto quanto sopra esposto e in considerazione della particolare complessità della procedura, lo scrivente avanza formale istanza affinché sia disposta una proroga della scadenza per la presentazione delle offerte, con differimento del termine di almeno 30 giorni. Restando in attesa di un celere e cortese riscontro, l’occasione è gradita per porgere Distinti Saluti

Risposta:

Purtroppo non ci troviamo concordi nella rappresentazione dei fatti fornita dall’operatore.

Riteniamo che le argomentazioni prodotte siano pretestuose ed infondate. Per contro le indicazioni fornite dalla Stazione Appaltante nella documentazione di gara (progetto di servizio, bando, disciplinare, capitolato speciale d’appalto e allegati) sono univoche e chiare.

Le risposte ai quesiti fornite a proposito del servizio in oggetto si limitano a riprodurre concetti già presenti nella suddetta documentazione mediante utilizzo di locuzioni che si riconducono ai medesimi contenuti sostanziali.

Non riteniamo pertanto di discostarci dalle comunicazioni già fornite in relazione al quesito N. 6.

Chiarimento n. 40

Domanda:

Buongiorno, si chiede in merito alla redazione dell'offerta tecnica di confermare che per "25 pagine" si intendano "25 facciate". grazie

Risposta:

Si conferma

Chiarimento n. 41

Domanda:

Con riferimento ai requisiti di capacità tecnica e professionale di cui al punto 7.3 d) del disciplinare di gara, si chiede di confermare che le prestazioni di pulizia e di ausiliariato svolte in ambito sanitario possano ritenersi valide ai fini dell'assolvimento del requisito.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 3

Chiarimento n. 42

Domanda:

Alla luce delle faq 1-2-26 si chiede a codesto ente di rivalutare i requisiti di partecipazione per favorire la maggior partecipazione. Infatti alla luce delle Vs. risposte il requisito 7.3 d) non può essere oggetto di avvalimento in quanto deve essere correlato a un servizio di pulizia dello stesso Ente. Non si può neanche partecipare in RTI con impresa che svolga portierato ma non pulizia, in quanto non in possesso di requisito di fascia di pulizia. Chiediamo quindi la modifica con requisiti meno astringenti volti a favorire la partecipazione di più imprese e la conseguente proroga della scadenza.

Risposta:

Posto che il requisito di cui al punto 7.3 lett d) (esecuzione negli ultimi tre anni dei seguenti servizi analoghi) deve essere riferito a contratti che esprimono lo svolgimento di due prestazioni in modo contestuale ed integrato (“servizi ausiliari e di pulizia ed igiene ambientale”), in merito al predetto requisito è possibile ricorrere all’avvalimento.

Chiarimento n. 43

Domanda:

Buongiorno, con la presente sono a richiedere se un'impresa di pulizie può partecipare alla procedura chiedendo l'avvalimento dell'intero importo del portierato, cioè i 900.000,00 euro in tre anni. Grazie

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 42

Chiarimento n. 44

Domanda:

Premesso che - La scrivente intende partecipare alla gara in oggetto (procedura aperta e con applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità prezzo, ai sensi degli artt. 60 e 95 del d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50 – Codice dei contratti pubblici. - Ai sensi del punto II.2.11 del Bando di Gara nonché dell’art. 3 del Disciplinare di Gara, il valore dell’appalto in oggetto ammonta a € 11.555.000,00, oltre IVA, oltre € 30.000,00 quali oneri per la sicurezza, per una durata di 5 anni. - Ai sensi dell’art. 5 del Disciplinare di gara, sono ammessi a partecipare alla gara soggetti singoli e associati, purché titolari dei requisiti indicati negli articoli successivi; - In particolare, l’art. 7.3, lettera d), del Disciplinare di gara, indica quale requisito di capacità tecnica e professionale, l’esecuzione negli ultimi tre anni dei seguenti servizi analoghi: “Il concorrente deve aver eseguito nell’ultimo triennio (2018-2019-2020) servizi analoghi a quelli oggetto della gara (servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale) presso enti pubblici o privati di importo complessivo minimo pari a € 4.000.000,00. Dai contratti indicati si dovrà documentare lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo complessivo di almeno € 2.500.000,00 e prestazioni di portierato/ausiliariato per un importo complessivo di almeno € 900.000,00”; - Successivamente, con riferimento ai raggruppamenti temporanei di impresa, l’art. 7.4 del Disciplinare di Gara precisa che: “Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito di cui al precedente punto 7.3 lett. d) deve essere posseduto sia dalla mandataria sia dalle mandanti. Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria. Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito deve essere posseduto dalla mandataria”. - Tale regolamentazione ha suscitato dubbi nei partecipanti, da cui sono scaturiti taluni quesiti, sui quali la Stazione Appaltante ha fornito i suoi chiarimenti, qui di seguito riportati. - In particolare, si chiedeva alla Stazione Appaltante (il grassetto è nostro): Chiarimento n. 1 Domanda: Buongiorno, in riferimento al requisito di cui all'articolo 7.3 lettera d del disciplinare di gara si chiede di confermare che, in caso di partecipazione nella forma del costituendo raggruppamento, i servizi analoghi richiesti possano essere soddisfatti dalla mandataria per quanto attiene i servizi di pulizia (per un importo complessivo di almeno 2.500.000 nel triennio 2018 2019 2020) e dalla mandante per quanto attiene al sevizi di portierato/ausiliariato (per un importo complessivo di almeno 900.00 nel triennio suddetto). Si ringrazia per il riscontro Risposta: Posto che nella disciplina di gara non vengono distinte prestazioni principali da quelle secondarie, condizione che rende possibile la partecipazione di RTI verticali, il fatturato richiesto deve essere riferito a contratti che esprimono lo svolgimento di due prestazioni in modo contestuale ed integrato (“servizi ausiliari e di pulizia ed igiene ambientale”). Conseguentemente la risposta al quesito deve intendersi negativa. E ancora: Chiarimento n. 2 Domanda: Si chiede di fornire spiegazioni in riferimento alla dicitura di cui all'articolo 7.4 del Disciplinare laddove affermate che in ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito di cui al punto 7.3 lettera d) del disciplinare deve essere posseduto dalla mandataria. ritenete pertanto che in caso di RTI verticale entrambi i servizi analoghi (pulizie e portierato) debbano essere posseduti dalla mandataria? detta interpretazione se confermata sembra confliggere con la natura dell’ATI verticale che è connotata dalla circostanza che l’impresa mandataria apporta competenze incentrate sulla prestazione prevalente, diverse da quelle delle mandanti provviste della capacità per le prestazioni secondarie. Si prega di chiarire in merito. Grazie Risposta: Per le ragioni di cui al quesito 1 mancano i presupposti per consentire la costituzione di raggruppamenti verticali. Le indicazioni da voi riportate, presenti nel disciplinare, sono quelle mutuate dal bando tipo e si riferiscono a previsioni di carattere generale ed astratte che non trovano applicazione nel caso in esame perché i servizi analoghi richiesti si riconducono ad un servizio integrato e non a due distinte prestazioni (principale e secondaria). Orbene, i dubbi sulle questioni sollevate permangono e le risposte fornite a chiarimento non soddisfano, per i seguenti MOTIVI Da un lato, con i chiarimenti forniti, la Stazione Appaltante ha di fatto escluso la possibilità di partecipare tramite raggruppamento temporaneo di imprese di tipo verticale, esclusione incomprensibile che non trova riscontro né nella legge né nella lex specialis di gara, non potendo i chiarimenti in alcun modo derogare – per costante giurisprudenza – alla legge di gara. Sotto questo profilo, è appena il caso di evidenziare che, ferme restando l’”interconnessione” delle attività oggetto di gara, e la scelta della Stazione Appaltante di non procedere alla suddivisione in lotti, non risponde al vero la tesi dell’inesistenza, nella legge di gara, della distinzione tra prestazione principale e prestazione secondaria. L’art. 3 del Disciplinare di gara, infatti individua esplicitamente il servizio di pulizia come principale (lettera P in tabella) e il servizio di portierato come secondario (lettera S in tabella). Il che a sua volta giustifica la formulazione del successivo art. 7.4 del Disciplinare medesimo che, relativamente al requisito tecnico-professionale di cui trattasi, distingue nettamente le due ipotesi di partecipazione tramite RTI orizzontale o RTI verticale. L’esclusione del modello del RTI verticale, sancita soltanto in sede di chiarimenti dalla Stazione Appaltante, non trova giustificazione nell’oggetto e nella natura dell’appalto, tanto più che il Disciplinare di gara relativo al quinquennio precedente – per il medesimo servizio integrato - pure distingueva tra prestazione principale (il servizio di pulizia) e prestazione secondaria (il servizio di portierato) e, va da sé, coerentemente contemplava la possibilità, per gli operatori interessati, di partecipare tramite RTI di tipo verticale. In secondo luogo, ma soprattutto, alla luce dei chiarimenti forniti viene meno la possibilità di raggiungere il fatturato richiesto con contratti differenti, ovvero contratto di pulizia da un lato e contratto di portierato dall’altro. Pertanto, per soddisfare il requisito, l’operatore economico dovrebbe aver espletato solo appalti integrati di pulizia e portierato, il che appare inverosimile considerato che trattasi di due ambiti di attività differenti, che presuppongono assetti e organizzazioni aziendali diversi e ovviamente dotati di codici ATECO diversi. La pretesa che il fatturato richiesto dal requisito di cui al punto 7.3.d) si riferisca al precedente svolgimento, da parte degli operatori interessati, di servizi esclusivamente “integrati” costituisce un evidente vulnus al favor partecipationiis, in quanto suscettibile di tagliar fuori, dalla gara in questione, un elevatissimo numero di potenziali concorrenti. D’altra parte, anche sotto questo particolare profilo, appare contraddittorio quanto precisato dalla Stazione Appaltante con il chiarimento n. 1, sopra citato, posto che è la formulazione del requisito stesso di cui al punto 7.3.d) ad indicare la pluralità di contratti (pulizia, da un lato, per un importo pari almeno a 2,5 milioni, e portierato/ausiliarato, dall’altro, per almeno € 900.000,00), e ciò peraltro in perfetta continuità con quanto stabilito dalla legge di gara afferente al precedente quinquennio (si veda, per un esame comparativo, l’art. 13.1.4 del Disciplinare di Gara 2015 – CIG 62602601FB). A tale ultimo proposito, anzi, si consideri il chiarimento fornito illo tempore (il grassetto è nostro): Domanda n. 5 per quanto riguarda il requisito di capacità tecnica richiesto: regolare esecuzione negli ultimi tre anni (2012-2013-2014) di n. tre contratti di servizi oggetto della gara (servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori) presso enti pubblici o privati il cui valore complessivo sia almeno pari a € 3.000.000,00 (euro tremilioni/00). Dai contratti indicati si dovrà documentare lo svolgimento di servizi di pulizia per un importo complessivo di almeno € 2.000.000,00 (euro duemilioni/00) e prestazioni di portierato/ausiliariato per un importo complessivo di almeno € 600.000,00 (euro seicentomila/00) chiediamo di specificare cosa si intenda per servizi integrati ausiliari e se ciascuno dei tre contratti debba comprendere sia i servizi integrati ausiliari, sia i servizi di pulizia. Risposta n. 5: A) La definizione dei servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori è riportata all’art. 2 “Oggetto dell’Appalto” del Capitolato Speciale d’Appalto, ma per comodità può essere sintetizzata come segue: - Servizi ausiliari: servizio di portierato, front-office e reception; - Servizi di pulizia e di igiene ambientale: servizio tale da assicurare costantemente un ottimo standard qualitativo degli ambienti, degli arredi e di quant’altro compreso nel servizio; - Servizi accessori: fornitura e somministrazione del materiale di consumo per i servizi igienici. B) Posto che il numero di contratti riferiti al triennio relativi ai servizi oggetto della gara (servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori) è pari a tre, in caso di contratti distinti per tipologia di prestazione, che devono comunque soddisfare nel triennio il valore complessivo di € 3.000.000,00 (euro tremilioni/00), il requisito dovrà essere dimostrato presentando tre contratti di servizi ausiliari per un importo complessivo di € 600.000,00 (euro seicentomila/00) e tre contratti di servizi di pulizia ed igiene ambientale per un importo complessivo di € 2.000.000,00 (euro duemilioni/00); il differenziale di € 400.000,00 per soddisfare il valore complessivo di € 3.000.000,00 (euro tremilioni/00) potrà essere espresso per una qualsiasi delle due tipologie di contratto. Orbene, tanto precisato sulle questioni contestate, non si comprende per quale ragione nel quinquennio attuale la Stazione Appaltante intenda radicalmente mutare la portata delle clausole citate, e non, beninteso, tramite una diversa formulazione della legge di gara (rispetto alla precedente), ma solo a posteriori, per mezzo dei chiarimenti forniti, la cui portata innovativa e derogatoria deve in ogni caso ritenersi inammissibile. *** Per tutte queste ragioni impugna e contesta la legge di gara nelle parti indicate, nonché i chiarimenti nn. 1 e 2 citati, di per sé e anche in connessione con le norme della legge di gara cui si riferiscono, nella misura in cui le norme e relativi chiarimenti abbiano il significato di: 1) vietare agli operatori economici la partecipazione tramite RTI di tipo verticale; 2) pretendere dagli operatori economici la soddisfazione del requisito di cui al punto 7.3.d) del Disciplinare di gara esclusivamente tramite contratti integrati aventi ad oggetto lo svolgimento simultaneo/concomitante/coevo, in virtù appunto di un medesimo contratto, delle due attività oggetto di gara, ovvero il servizio di pulizia e il servizio di portierato/ausiliariato. CHIEDE Pertanto l’Amministrazione competente provveda – in via di autotutela - alla revoca e/o alla rettifica degli atti di gara, o alla formulazione di chiarimenti compatibili con il testo del Disciplinare di Gara, relativamente ai punti controversi, nel senso di: 1) consentire la partecipazione degli operatori economici secondo il modello del raggruppamento d’imprese di tipo verticale; 2) consentendo la dimostrazione del requisito tecnico-professionale di cui al punto 7.3.d) del Disciplinare di Gara mediante il ricorso a precedenti distinti contratti (per il servizio di pulizia, da un lato, per il servizio di portierato/ausiliariato, dall’altro). Con proroga e/o rimessione in tutti i termini nelle more eventualmente decorsi. si riserva in ogni caso di tutelare i propri interessi nelle sedi opportune, nei termini di legge.

Risposta:

Si pubblica il testo presentato da un operatore che è rivolto ad ottenere una modifica sostanziale della disciplina di gara con particolare riferimento ai requisiti di partecipazione. Posto che la finalità dei chiarimenti risulta nel qual caso chiaramente abusata, si ritiene di pubblicare quanto inoltrato dal concorrente in adesione al principio di massima trasparenza.

Chiarimento n. 45

Domanda:

In relazione alla "Tabella dei criteri discrezionali di valutazione della relazione tecnica" - Disciplinare di gara art.18.1) pag 28 e ai relativi contenuti da trattare, si chiede di precisare quali informazioni l'Amministrazione ritiene debbano essere trattate ai punti 2.2) e 2.3) Adeguatezza del piano di lavoro del personale impiegato nei servizi [...]. In particolare, si rileva che per "piano di lavoro", nelle definizioni più ricorrenti all'interno delle gare d'appalto, si intendono quelle informazioni, in forma tabellare, relative al numero di ore e di addetti impiegati nei diversi plessi in appalto. Tali informazioni sono però già contenute con precisione all'interno degli allegati A, B e C. Il quesito nasce dal fatto che le tabelle degli allegati A, B e C non sembrano lasciare spazio ad interpretazioni e/o modifiche organizzative da parte dei concorrenti. Quali altre informazioni sono da considerare all'interno della voce "piano di lavoro" e rilevano ai fini dei punteggi tecnici? In attesa di un Vostro cortese riscontro, si coglie l'occasione per porgere cordiali saluti.

Risposta:

Gli allegati A, B e C riportano il numero delle ore settimanali per sede ed il numero degli operatori.

È demandato all’operatore, fermo restando le specifiche tecniche e prestazionali del capitolato speciale d’appalto, descrivere gli aspetti più significativi dell’organizzazione operativa dei servizi sotto il profilo dell’efficienza e della qualità. L’operatore potrà altresì proporre metodologie e soluzioni progettuali migliorative e/o innovative di cui anche la stazione appaltante potrebbe beneficiare. Resta inteso che le proposte, di cui verrà esaminata la coerenza degli elementi proposti rispetto agli obiettivi prefissati, non dovranno comportare alcun onere aggiuntivo per la stazione appaltante.  

Chiarimento n. 46

Domanda:

Si chiede di dare gentile riscontro al seguente quesito: Nell'importo a base d'asta sono inserite le lavorazioni riferite alle superfici delle sedi di Via F.lli Calvi, 10 a Bergamo e Via Pasubio (Ex Centrale Enel 2° Lotto) Dalmine, visto che nell'allegato A viene specificato che tali sedi il servizio dovrà essere reso "presumibilmente" dal 01/06/2024? Restiamo in attesa di Vs. celere riscontro. Distinti saluti

Risposta:

L’importo a base di gara non comprende le spese per i servizi da svolgersi presso le sedi di nuova attivazione ed attualmente in fase di ristrutturazione (Bergamo – Via F.lli Calvi, 10 e P.le S. Agostino 2 (Chiostro Minore), Dalmine – Via Pasubio (Ex Centrale Enel 2° Lotto)).

Il valore economico di dette prestazioni, stimato, è indicato nelle somme a disposizione dell’Amministrazione previste nel quadro economico complessivo contenuto nel progetto del servizio.  

Chiarimento n. 47

Domanda:

Buongiorno, si prega di voler dare riscontro al chiarimento n. 44

Risposta:

Si ribadisce che il N. 44 corrisponde ad un’istanza in autotutela e non sussiste alcun obbligo per l’Amministrazione di pronunciarsi su un’istanza volta ad ottenere un provvedimento in via di autotutela, non essendo coercibile dall’esterno l’attivazione del procedimento di riesame della legittimità dell’atto amministrativo mediante l’istituto del silenzio-rifiuto e lo strumento di tutela offerto; invero, il potere di autotutela si esercita discrezionalmente di ufficio, essendo rimesso alla più ampia valutazione di merito dell’Amministrazione.

Chiarimento n. 48

Domanda:

Spett.le Università degli Studi di Bergamo, con la presente siamo a porre alla Vs. cortese attenzione la seguente richiesta di chiarimento: Nel capitolato speciale d’appalto, all’art. 46 “materiali e prodotti” è scritto che “nell’offerta tecnica, il concorrente deve indicare l’elenco dei prodotti, con relative schede tecniche, che verranno utilizzati in rapporto alle specifiche prestazioni, suddivisi per le tipologie... . Qualora i suddetti detergenti siano in possesso di etichettature ambientali di Tipo I – ISO 14024, copia delle stesse dovranno essere allegate all’offerta tecnica. Nel Disciplinare di Gara tuttavia, a pagina 26 capitolo 16 “CONTENUTO DELLA BUSTA B – OFFERTA TECNICA” si dice che sono ammessi inserti di tabelle, grafici, disegni, fotografie, ecc.. da computarsi nel numero delle pagine (massimo 25). Inoltre, a pagina 28, nella Tabella dei Criteri discrezionali, quantitativi e tabellari di valutazione dell’offerta tecnica, non vi è nessun criterio o sub-criterio in cui vengano richiesti i prodotti previsti, quindi con la presente siamo a richiedere come e dove debba essere inserita la lista dei prodotti che si prevede di utilizzare e dove devono essere allegate le schede tecniche di tali prodotti. Ringraziando e restando in attesa di cortese riscontro, porgiamo distinti saluti

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 27

Chiarimento n. 49

Domanda:

Quota Subappaltibile. Con la presente siamo a richiedere il massimo subappaltabile se il 30 % o il 40 %. In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 19, punto 2.

Chiarimento n. 50

Domanda:

Al punto 15.3.2 (Documentazione a corredo) del Disciplinare di gara viene chiesta l’allegazione alla documentazione amministrativa del Progetto di riassorbimento, con particolare riguardo al numero dei lavoratori che beneficeranno della stessa e alla relativa proposta contrattuale di inquadramento e trattamento economico; viene poi precisato che nel progetto non devono essere inseriti elementi di natura economica, pena l’esclusione: tale precisazione entra in contraddizione con quanto in precedenza richiesto. In proposito si rappresenta che il numero dei lavoratori, l’inquadramento ed il trattamento economico rappresentano di per sé fattori aventi valenza economica poiché potenzialmente idonei a disvelare profili dell’offerta economica; ciò appare evidente laddove tra gli elementi da riportare nell’offerta economica vengono richiesti il costo medio orario suddiviso per livello (lett. b )e la stima dei costi della manodopera (lett. d), ossia elementi che in parte già possono dedursi dalla proposta di inquadramento e trattamento economico che vanno riportati nel Piano. Per giurisprudenza costante il divieto di commistione tra offerta economica e offerta tecnica costituisce espressione del principio di segretezza dell'offerta economica, ed è posto a garanzia dell'attuazione dei principi di imparzialità e buon andamento dell'azione amministrativa a garanzia della trasparenza e della par condicio tra i concorrenti; ciò in quanto la conoscenza di elementi economici dell'offerta da parte della commissione aggiudicatrice può essere di per sé potenzialmente idonea a determinare un condizionamento, anche in astratto, da parte dell'organo deputato alla valutazione dell'offerta, alterandone la serenità ed imparzialità valutativa (cfr. Cons. Stato, sez. V, 24 gennaio 2019, n. 612; Id., sez. III, 26 febbraio 2019, n. 1335). Si chiede, pertanto, di voler confermare che l’indicazione riportata è frutto di un refuso e, pertanto, il Piano di riassorbimento va allegato a corredo dell’offerta economica. Si ringrazia

Risposta:

Posto che, come previsto dalla dottrina prevalente, l’obiettivo che deve intendersi raggiunto con la presentazione del Piano di riassorbimento è quella di valutare come il singolo appaltatore intenda procedere all’attuazione delle misure di salvaguardia previste dalla disciplina di gara e dai contratti di lavoro nel rispetto del principio di libertà d’impresa, tale documento avrà principalmente un contenuto dichiarativo rispetto agli impegni di cui sopra in ragione di un’analisi organizzativa riferita al servizio. Infatti l’obbligo di riassorbimento previsto dalla clausola sociale secondo la giurisprudenza prevalente deve intendersi “in maniera elastica e non rigida, rimettendo all’operatore economico concorrente finanche la valutazione in merito all’assorbimento dei lavoratori impiegati dal precedente aggiudicatario”.

Per questa ragione, consideriamo che il documento non debba avere alcun riferimento economico specifico ma indicazioni circa il criterio con cui l’operatore stesso darà attuazione alle disposizioni richiamate con riferimento al personale interessato.

La giurisprudenza e la dottrina sono concordi nel ritenere che detto progetto, qualora risultasse mancante dalla documentazione prodotta, possa essere ammesso al soccorso istruttorio.

Per questa ragione riteniamo che il suggerimento fornito non possa essere accolto, essendo notoriamente escluso il soccorso istruttorio per i contenuti propri dell’offerta tecnica ed economica (art. 83, comma 9, del D. Lgs. 50/2016).

Chiarimento n. 51

Domanda:

Alla luce dei chiarimenti pubblicati circa il requisito di cui all’art. 7.2. lettera d) del Disciplinare che, modificando in maniera sostanziale il Disciplinare medesimo laddove testualmente consentiva la partecipazione in RTI verticale (cfr. pag. 11), hanno invece stabilito che tale partecipazione non è invece più consentita, si insta per una proroga del termine di presentazione delle offerte di almeno 30 giorni. Tale proroga si pone come doverosa considerato il costante orientamento giurisprudenziale che impone il contemperamento delle esigenze di speditezza nella gestione della procedura di gara con il diritto dei concorrenti a potersi conformare alle prescrizioni innovative pubblicate con i chiarimenti e ad allestire una compagine che soddisfi i requisiti di partecipazione alla procedura stessa (cfr. ad es. Cons. Stato, Sez. V, 1 settembre 2020 n. 5338 che, pur ritenendo non doverosa una ripubblicazione del Bando, dichiara però legittima e in linea con i canoni legislativi di proporzionalità e massima partecipazione la proroga del termine di presentazione delle offerte). Si rileva, peraltro, come l’unico caso nel quale la proroga possa considerarsi non doverosa sia quello di cui all’art. 79, comma 5, dl d. lgs. 18 aprile 2016 n. 50 e cioè il caso in cui i chiarimenti non siano stati chiesti in tempo utile o l’importanza delle informazioni sia insignificante: nel caso di specie, è pacifico che le richieste siano state tempestive e che le informazioni innovative rese siano significative, stravolgendo il dato testuale del Bando e vietando ai concorrenti di raggrupparsi in forma verticale per soddisfare un requisito di partecipazione in un appalto di così ingente valore. Per tali ragioni si insiste affinchè venga prorogato il termine di presentazione delle offerte quantomeno sino al 18/06/2021 cordiali saluti

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 39.

Chiarimento n. 52

Domanda:

Spett.le Università degli Studi di Bergamo, con riferimento a quanto indicato in oggetto, la scrivente società chiede alla S.V. di voler rendere chiarimento in ordine al seguente quesito. Con riferimento al requisito di cui al punto 7.3 lett. d) del Disciplinare di gara, in ordine alle prestazioni di portierato/ausiliariato, ad integrazione dei chiarimenti già pubblicati, si chiede alla S.V. di voler chiarire se la previsione "portierato/ausiliariato" è da intendersi in modo disgiuntivo, nel senso che un'impresa che svolge, nel medesimo contratto, attività integrata di pulizia e ausiliariato in ambito ospedaliero (es. squadre di supporto per il riordino del materiale, ripristino comodini, trasporto interno materiale sanitario, etc.), senza il portierato, per importi non inferiori a quanto sopra indicato, rientrano tra i servizi analoghi e pertanto siano idonei a soddisfare il requisito in questione. Rimanendo in attesa di cortese riscontro, l'occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

Risposta:

Con riferimento al requisito di cui al punto 7.3 lett. d) del Disciplinare di gara, sono valutati i servizi analoghi a quelli oggetto della gara; al riguardo, possono ritenersi utili servizi, ancorché con denominazioni diverse, a condizione che nella sostanza presentino le medesime caratteristiche.

Con riferimento al quesito in oggetto, si ritiene che dall’esame condotto sulla tipologia delle prestazioni, non si possano considerare utili tali prestazioni, che differiscono sostanzialmente da quelle previste dalla disciplina di gara.

Chiarimento n. 53

Domanda:

In riferimento al Disciplinare di gara e in particolare ai requisiti di capacità tecnica e professionale di cui al punto 7.3 d) si chiede conferma che il possesso di regolare attestazione rilasciata da Azienda Sanitaria Locale in cui venga indicato specifico importo relativo al servizio di "Pulizie e sanificazione" e importo specifico relativo al servizio di "Operazioni ausiliarie" possa concorrere a soddisfare il requisito richiesto.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 52.

Chiarimento n. 54

Domanda:

Buona sera, in merito ai requisti di partecipazione si richiede se i contratti relativi a 2.500.000 milioni di pulizie e 900.000 di reception ed ausiliariato possano essere considerati validi oltre a servizi di reception e pulizie anche servizi di pulizie/reception e facchinaggio nonchè servizi di pulizia e facchinaggio visto e considerato che il bando è riferito a servizi di pulizia / reception ed ausiliariato e che nel capitolato di gara tra le mansioni vi è anche il facchinaggio. Si resta in attesa di risposta in merito cordiali saluti

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 52. Conseguentemente per “servizi di pulizie/reception e facchinaggio” la risposta al quesito deve intendersi affermativa, mentre per “servizi di pulizia e facchinaggio” la risposta al quesito deve intendersi negativa.

Chiarimento n. 55

Domanda:

COMUNICAZIONE (PUBBLICATA NELLA SEZIONE DOCUMENTAZIONE GARA)

Risposta:

Procedura aperta telematica per l’appalto dei servizi integrati ausiliari, di pulizia ed igiene ambientale ed accessori presso le sedi dell'Università degli Studi di Bergamo – CIG 8729168151- Bando di gara prot. n. 23242/X/4 del 23/4/2021.

COMUNICAZIONE

In ordine a talune istanze pervenute, la scrivente ha attivato l’istruttoria, ormai in fase di conclusione, per valutare l’ambito di applicazione dell’istituto di annullamento parziale, in autotutela, della disciplina
di gara, con conseguente riformulazione di alcune parti presenti nel disciplinare, nel rispetto dei principi clare loqui e di massima partecipazione.
Qualora l’esito della predetta istruttoria fosse positivo, il termine assegnato agli operatori per la presentazione delle offerte (ore 12:00 del 18.5.2021) verrà conseguentemente posticipato in modo che
i medesimi abbiano la possibilità di modificare le scelte relative alle modalità di partecipazione in conformità alle determinazioni stesse.
Di quanto sopra si darà conto entro le ore 12.30 del 17 maggio p.v..
Bergamo, lì 14 maggio 2021


IL DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PERSONALE LOGISTICA E APPROVVIGIONAMENTO
F.to William Del Re

Chiarimento n. 56

Domanda:

AVVISO

Risposta:

Si invita a prendere visione della determinazione di intervento autotutela per parziale annullamento dei chiarimenti formulati e proroga termine pubblicata nei documenti gara

Chiarimento n. 57

Domanda:

buonasera a seguito della odierna Determinazione, con la presente chiediamo: 1) conferma circa l'esecuzione dei servizi di cui al punto 7.3 lettera d) come da indicazione del Disciplinare, ossia effettuati presso enti pubblici e privati; 2) conferma che saranno accettati come servizi analoghi al portierato/ausiliariato anche i servizi di vigilanza che spesso includono anche il servizio di portierato e controllo accessi. In attesa, si ringrazia cordialità

Risposta:

Punto 1) Si conferma

Punto 2) Per quanto attiene alla possibilità che i servizi di vigilanza siano assimilati ai servizi di portierato/ausiliariato si ritiene che si debba operare una valutazione caso per caso e che le singole situazioni debbano essere valutate dai concorrenti e dalla stazione appaltante con riferimento al contenuto prestazionale richiesto, senza automatismi di sorta e nel rispetto del principio sostanziale di massima partecipazione. In ogni caso non sono considerati analoghi i servizi di mera vigilanza armata.

Chiarimento n. 58

Domanda:

Buongiorno, con la presente si chiede cortese conferma che in caso di diniego di accesso agli atti sia necessario caricare nella busta tecnica apposita dichiarazione di segretezza. In attesa di un gentile riscontro, si porgono cordiali saluti.

Risposta:

Al punto 9 del Modello A Domanda di partecipazione è possibile esprimere la scelta di non autorizzare, qualora un partecipante alla gara eserciti la facoltà di “accesso agli atti”, la stazione appaltante a rilasciare copia dell’offerta tecnica.

Nell’ambito di un apposito procedimento, avviato a seguito di una istanza presentata dal concorrente, saranno eventualmente richieste delle spiegazioni in merito al diniego ai fini di poter contemperare il diritto di accesso con quello della riservatezza.

Quanto alle spiegazioni che dovranno essere adeguatamente motivate e comprovate ai sensi dell’art. 53, comma 5, lett. a), del Codice, in sede di istanza di accesso agli atti sarà richiesto al concorrente di specificare le parti e circostanziare le motivazioni che inducono a non rendere ostensibili le predette parti, compatibilmente con il diritto all’accesso del concorrente che ne faccia istanza ai fini difensivi e di tutela dei propri interessi.

È facoltà del concorrente, in questa sede, di presentare la dichiarazione dettagliata nella busta dell’offerta tecnica in calce alla Relazione, specificando in modo evidente il punto in cui finisce la Relazione (oggetto di valutazione) e il punto in cui si riporta la dichiarazione in parola. Occorre tuttavia ricordare quanto stabilito dal disciplinare di gara in merito al numero di pagine ed al modo di redazione dell’offerta tecnica.

Chiarimento n. 59

Domanda:

Buongiorno, in riferimento alla gara in oggetto indicata, con la presente siamo a chiedere i seguenti chiarimenti. 1) Al fine di formulare la nostra proposta tecnica, chiediamo se la copertina, l’indice e una breve presentazione aziendale, siano escluse dal conteggio delle 25 pagine ammesse come limite dal disciplinare di gara. 2) Al fine di formulare correttamente la nostra proposta tecnica, chiediamo se all’interno della relazione e più precisamente all’interno di ogni pagina, titoli e sub-criteri siano esclusi dal conteggio della 40 righe. 3) Al fine di esporre la nostra migliore proposta tecnica, siamo a chiedere se tabelle, grafici, disegni, fotografie e elementi simili, possono avere un carattere diverso ed inferiore a 11, come diversamente indicato per l’intera relazione nel disciplinare di gara. 4) Siamo a chiedere cosa si intenda con “corpo carattere equivalente” ad Arial 11, al fine di omogenizzare ed equiparare le diverse offerte tecniche, al fine di non creare disparità di esposizione. 5) Siamo a chiedere se il monte ore dedicato al servizio di pulizia (Allegato B) sia da ritenersi indicativo e soggetto alla propria organizzazione aziendale o se diversamente sia minimo e a pena di esclusione. 6) Il monte ore indicato per lo svolgimento delle attività COVID è da ritenersi minimo e a pena di esclusione o soggetto alla propria organizzazione aziendale e in base all’attuale espletamento della pandemia? Alla luce di quanto sopra e in attesa della pubblicazione delle risposte ai chiarimenti, necessarie al fine della redazione della nostra migliore offerta tecnica, siamo a chiedere cortesemente a Codesta Spettabile Stazione Appaltante una congrua proroga dei termini di presentazione delle offerte. In attesa di un gentile riscontro si inviano distinti saluti.

Risposta:

Si invita ad attenersi alle indicazioni fornite dalla disciplina di gara, che sono da interpretarsi in termini letterari.

Punto 1) La risposta è negativa

Punto 2) La risposta è negativa

Punto 3) Fermo restando che la disciplina di gara prevede che la Relazione dovrà essere redatta con corpo carattere equivalente ad “Arial 11” ed un numero di righe non superiore a 40 (quaranta) per scheda, si ritiene che, essendo ammessi inserti di tabelle, grafici, disegni, fotografie, etc., su schede in formato A4 o A3 ripiegato (ogni scheda A3 è considerata alla stregua di due schede A4) da computarsi nel numero delle pagine (massimo 25), sia compatibile un carattere, se pur non sensibilmente diverso, che risponda meglio alla natura ed all’aspetto grafico della parte di Relazione a cui il concorrente si riferisce. Evitando che una gestione del testo diversa da quella indicata nella disciplina di gara possa condurre a formulazioni di difficile lettura e/o scarsa comprensione da parte della commissione.

Punto 4) La risposta è insita nella domanda e nel contenuto del Disciplinare di gara. La finalità è quella di non consentire l’elusione dei limiti posti dalla disciplina di gara, alla quale si rinvia.

Punto 5) Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 13

Punto 6) Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 38 punto 2

In relazione alla richiesta di disporre “una congrua proroga dei termini di presentazione delle offerte” la risposta è negativa avendo questa amministrazione assegnato tempi adeguati e congrui, oltre che rispettosi della normativa vigente.

Chiarimento n. 60

Domanda:

Buongiorno, a seguito della Vs. determinazione e proroga si chiede gentilmente di confermare che sia possibile partecipare in RTI Verticale tra 2 imprese: Mandataria capogruppo impresa di pulizia con requisito 2.500.000 - servizio di pulizia e mandante impresa di portierato con requisito 900.000 - servizio di portierato. grazie cordiali saluti

Risposta:

Si conferma

Chiarimento n. 61

Domanda:

Spett.Le Amministrazione, Si chiede conferma che, così come indicato dal disciplinare di gara e dall'ampia valutazione della giurisprudenza in materia atta a garantire la massima partecipazione delle imprese concorrenti, ai fini del soddisfacimento del requisito di idoneità professionale dell'impresa che svolgerà i servizi aggiuntivi, siano ammesse tutte le imprese che , regolarmente iscritte nel registro della Camera del Commercio industria e agricoltura per il medesimo settore di attività del contratto di gara, siano iscritte alla CCIAA per attività inerenti i servizi di portierato e reception, anche a prescindere del codice ateco indicato come attività prevalente.

Risposta:

L’iscrizione alla CCIAA per attività inerenti i servizi di portierato e reception è da ritenersi adeguata.

Chiarimento n. 62

Domanda:

Buongiorno, preso atto della Vostra comunicazione datata 17 maggio 2021 nella quale avete disposto in autotutela l’eliminazione dei chiarimenti aventi interpretazione contraria alla partecipazione in raggruppamento verticale, nonché dei chiarimenti laddove individuavano come analogo il servizio reso esclusivamente in forma integrata si chiede di : confermare che in riferimento al requisito di cui all'articolo 7.3 lettera d) del disciplinare di gara, in caso di partecipazione nella forma del costituendo raggruppamento temporaneo verticale, i servizi analoghi richiesti possano essere soddisfatti dalla mandataria per quanto attiene i servizi di pulizia (per un importo complessivo di almeno 2.500.000 nel triennio 2018 2019 2020) e dalla mandante per quanto attiene al sevizi di portierato/ ausiliariato (per un importo complessivo di almeno 900.00 nel triennio suddetto). Fermo il soddisfacimento dell’importo complessivo di 4.000.000 di euro Confermare che la dicitura di cui all’articolo 7.4 del disciplinare di gara (pagina 11) riferita al requisito di cui al punto 7.3 lettera d) “Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito deve essere posseduto dalla mandataria” debba essere considerata eliminata in quanto non rispondete ai requisiti di gara così come specificati dal Vostro provvedimento in autotutela. Si ringrazia per il riscontro

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per il quesito N. 60.

Chiarimento n. 63

Domanda:

Buonasera, siamo a richiedere quanto segue: Relativamente alle norme riportate a pagina 24 e 32 del Capitolato e in particolare al punto in cui è riportato che "Al personale dei servizi ausiliari e di pulizia del Contraente, nello svolgimento del servizio cui è preposto, è richiesto di: utilizzare obbligatoriamente l’apposito badge per la rilevazione delle presenze all’ingresso e all’uscita della sede di lavoro" si chiede conferma di poter installare presso le sedi dei dispositivi di rilevazione presenze propri del Contraente e quindi di rilevare le presenze da remoto tramite quest'ultimi oppure se, diversamente, l'aggiudicatario sia tenuto ad utilizzare dispositivi giù presenti di proprietà dell'Università. A pagina 32 del Capitolato si fa riferimento alle Pulizie straordinarie, per le quali "verrà richiesto al Contraente un preventivo di spesa specifico, per la cui formulazione lo stesso Contraente dovrà, ove possibile, applicare le condizioni economiche e tecniche offerte in sede di gara (ad es. costo orario proposto)."; analogamente a pagina 25 tale riferimento viene utilizzato anche per "servizi di portierato di natura straordinaria". Il costo orario a cui si fa riferimento negli esempi è quello richiesto dal Modulo di Offerta Economica in cui è definito come "costo medio orario suddiviso per livello"; dato che le due tipologie di servizi richiesti hanno costi orari differenti dovuti, ad esempio, ad una diversa incidenza di costi per prodotti chimici, materiali, attrezzature e macchinari necessari per eseguire interventi di pulizia straordinaria, che invece non sono necessari per attività come quelle riportate a pagina 25 "servizi di portierato presso l’Aula Magna... oltre a eventuali altre sedi prive di presidi fissi di uscieri; - servizi di portierato per lo svolgimento di congressi, tesi di laurea od altre manifestazioni" si chiede conferma che nei campi del Modulo di Offerta Economica si debbano compilare costi orari suddivisi per livello e per servizio (pulizia e portierato). Restiamo in attesa cortese riscontro. cordiali saluti

Risposta:

Per la rilevazione delle presenze del personale dell’appaltatore è possibile l’installazione di dispositivi di rilevazione presenze propri del Contraente. Il Contraente non dovrà utilizzare i dispositivi già presenti di proprietà dell’Università.

I campi del Modulo di Offerta Economica devono essere compilati secondo lo schema di offerta economica “Modello B” allegato al disciplinare di gara. Non è necessaria l’indicazione del costo medio orario distinto per tipologia di servizio.

Chiarimento n. 64

Domanda:

Spett.le Università degli Studi Bergamo, con riferimento a quanto indicato in oggetto, la scrivente società chiede di voler rendere chiarimento al seguente quesito. Tra i requisiti di idoneità di cui al paragrafo 7.1 del Disciplinare, si richiede in capo al concorrente il possesso del seguente requisito: "b) Per le imprese che svolgono servizi aggiuntivi e connessi al servizio di pulizia, iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato per attività coerenti con i suddetti servizi". Ora, in ordine al servizio della prestazione secondaria, si chiede alla S.V. di voler chiarire e/o confermare se l'iscrizione al camerale per l'attività della macro-categoria della vigilanza privata, sia idonea a soddisfare il requisito di cui al par. 7.1, lett. b) del Disciplinare di gara. Rimanendo in attesa di cortese riscontro, l'occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

Risposta:

Si rimanda alla risposta indicata per i quesiti N. 57 punto 2) e N. 61.